Festa degli Insegnanti: la storia tra passato e presente

Oggi 10 settembre, in Cina, si celebra la trentaseiesima Festa degli Insegnanti (jiàoshī jié 教师节).

Nel Paese del Dragone, quella dei maestri è una festa ufficiale, una giornata in cui tutti onorano gli insegnanti e gli educatori in generale. Questa ricorrenza esisteva in Cina già nel Medioevo: una prova di come la figura del docente sia sempre stata estremamente elogiata e rispettata. Molto spesso gli insegnanti ricoprono il ruolo di mentori per tutta la vita di una persona e questo è particolarmente vero per le arti marziali cinesi tradizionali, dove esiste addirittura un particolare rito a seguito del quale l'allievo diventa ufficialmente "discepolo del maestro" (bàishī xuéyì 拜师学艺).



UN BREVE EXCURSUS STORICO


Nel corso della storia, diversi sono stati i tentativi di istituire una giornata in onore degli insegnanti per sottolineare il grande contributo che ogni giorno apportano alla società.

Nel 1931, Tai Shuangqiu 邰爽秋 e Cheng Qibao 程其保, due famosi Professori, furono i primi a proporre di stabilire il 6 giugno come Giornata degli Insegnanti, con l'obiettivo di migliorare le loro condizioni di vita, salvaguardare il loro lavoro e migliorarne le qualità. L'idea venne rifiutata dal Partito Nazionalista (Guómíndǎng 国民党) in quanto proposta direttamente dalla categoria stessa dei professori.

Nel 1939, il governo del Kuomintang scelse la data del 27 agosto - il compleanno dell'antico pensatore ed educatore cinese Confucio - come Giornata degli Insegnanti, emanando un regolamento temporaneo che però non venne applicato in tutto il Paese.


Nel 1951, il Ministero dell'Istruzione e la Federazione dei sindacati di Cina (Zhōnghuá rénmín gònghéguó jiàoyù bù hé zhōnghuá quánguó zǒng gōnghuì 中华人民共和国教育部和中华全国总工会) decisero di far coincidere (hébìng 合并) la Festa degli Insegnanti con la Giornata Internazionale dei lavoratori (guójì láodòng jié 国际劳动节), il primo maggio. Tuttavia, non avendo i maestri delle precise cerimonie a loro dedicate, ben presto anche questa Giornata degli Insegnanti venne dimenticata, tanto che nel 1957 praticamente non esisteva già più (jiàoshī jié shíjì shang yǐ bù zài cúnzài 教师节实际上已不再存在).


Il 9 dicembre del 1984, Wang Zikun 王梓坤, Professore dell'Accademia Cinese delle Scienze, sottolineò nuovamente l'importanza di far avere agli insegnanti una loro festa. Egli parlò di questa idea al giornale Beijing Evening News (běijīng wǎnbào 北京晚报) che il giorno successivo pubblicò un articolo a riguardo. La proposta dell'accademico venne accolta con molto entusiasmo dai lettori, tanto che, il 15 dicembre dello stesso anno, i professori Zhong Jingwen, Qi Gong, Wang Zikun, Tao Dayong, Zhu Zhixian, Huang Ji, Zhao Qinghuan ed altri docenti dell'Università Normale di Pechino (běijīng shīfàn dàxué 北京师范大学) proposero di stabilire una nuova Giornata degli Insegnanti: lo scopo era quello di mantenere e sviluppare la tradizione di grande rispetto e importanza che la Cina, da secoli, attribuiva all'istruzione e alle figure che gravitavano intorno ad essa. Inoltre, dato che la Rivoluzione Culturale (wénhuà dàgémìng 文化大革命) aveva ridotto il numero dei "lavoratori intellettuali", il desiderio delle autorità cinesi era anche quello di aumentare il prestigio di tale professione.

Così, il 21 gennaio 1985, l'Assemblea Nazionale del Popolo (quánguó Rén Dàhuìyì 全国人大会议) stabilì il 10 settembre come giorno per la Festa degli Insegnanti.


COME SI FESTEGGIA OGGI LA GIORNATA DEGLI INSEGNANTI?


In questa giornata vengono organizzate cerimonie di premiazioni per gli insegnanti più meritevoli (jiàoshī biǎozhāng huìyì 教师表彰会议), i maestri in pensione vengono invitati dalla scuola per riunirsi tra di loro e gli istituti organizzano diversi eventi per celebrare i propri docenti. Inoltre, in questa giornata, molto spesso gli studenti regalano fiori ai propri insegnanti e li ringraziano per tutto ciò che ogni giorno fanno per loro.

Con l'avvicinarsi di questa ricorrenza, diversi sono i commenti nei social network di coloro che riterrebbero giusto che in occasione di questa festa venisse concesso ai maestri di riposarsi. In realtà, la maggior parte dei docenti cinesi vede questa giornata come un'occasione di ulteriore confronto e scambio con gli studenti presenti e passati che, molto spesso, in occasione di questa festa, tornano nelle scuole in cui si sono formati (mǔxiào 母校) per portare omaggio ai propri professori.