top of page

Il Capodanno lunare "Around the Globe"

Il Capodanno lunare è un evento atteso e celebrato in molti paesi asiatici come Malaysia, Singapore, Filippine, Vietnam, Corea, Thailandia, ma anche nelle Chinatown di tutto il mondo. Ogni paese o comunità nella celebrazione del nuovo anno segue riti diversi a cui nel tempo sono subentrate nuove usanze, creando un mix tra tradizione e modernità che lascia senza fiato gli spettatori. Scopriamo come celebrano il Capodanno lunare nel resto dell’Asia.


In Vietnam si chiama Tết Nguyên Ðán (Tết), la Festa della Prima Aurora ed è considerato la celebrazione più importante dell’anno. Durante questo giorno si crede che lo Spirito della Terra viaggi verso il Cielo per presentare il rapporto annuale dei vivi all’Onnipotente Imperatore di Giada. Le famiglie si riuniscono a festeggiare e accolgono parenti e amici per scambiare saluti e auguri e per il Tết le città si riempiono di fiori, tra cui crisantemi e orchidee. In particolare, si vedono molti alberi di pesco e kumquat al nord e il fiore di Mai al centro e sud del paese. Questi frutti e alberi simboleggiano la fertilità e la fecondità che la famiglia spera per il prossimo anno a venire.

Uno dei piatti più apprezzati durante il Tết è il Bánh chưng, una torta di riso quadrata fatta con riso appiccicoso, fagioli mung, maiale e altri ingredienti a piacimento. Possiamo trovare anche la torta di riso bianca, piatta e rotonda avvolta in foglie di banana e servita in coppia, chiamata Bánh giầy. I vietnamiti sono soliti mettere in tavola anche il Canh măng, una zuppa piccante di bambù sottaceto, brodo, maiale, pollo o frutti di mare, che viene spesso abbinata ad un involtino di maiale.

Il Capodanno è importante per il popolo vietnamita in quanto si ritiene che ciò che fanno il primo giorno dell'anno influenzerà il resto dell'anno. Pertanto, prestano grande attenzione ad ogni parola che dicono e a tutto ciò che fanno in questo giorno.


Spostandoci verso sud arriviamo nelle strade della Malaysia dove si viene da luci, lanterne, striscioni di carta e ciondoli che riportano scritte di buon auspicio. Come in Cina i festeggiamenti comprendono la visita alla famiglia, i fuochi d’artificio, la danza del leone, le buste con i soldi fortunati e le fiere dei templi, dove si può assistere ad una grande varietà di spettacoli culturali e folcloristici. Differente è la tradizione della pratica dell’open house nel primo giorno dell’anno. Non solo le case private aprono le porte ad amici e parenti, ma anche i leader del paese tengono feste accessibili a tutti.

Caratteristico è l’ultimo giorno di festa (coincide con la Festa delle Lanterne in Cina), chiamato Chap Goh Mei ha un grande significato storico ed è considerato l’equivalente di San Valentino. L’evento principale è il lancio e la cattura dei mandarini. Le donne single gettano in mare un mandarino con i loro nomi o numeri di telefono e gli uomini single cercano di catturare i frutti, cercando di incontrare il loro destino.


Anche Singapore per festeggiare il nuovo anno si riempie di lanterne e si viene immersi in un’atmosfera festosa di colore rosso brillante. Sono amati dalla popolazione le cene in famiglia, la parata galleggiante e il vivace mercato di Capodanno.


Il Capodanno lunare coreano si chiama 설날 (Seollal) ed è uno degli eventi più attesi. La celebrazione del nuovo anno è collegata ad un’atmosfera tranquilla, dove i negozi sono chiusi e le strade deserte, perché indipendentemente dal luogo di lavoro tutti i coreani per le vacanze di Capodanno tornano a casa. La Festa di Primavera è difatti un giorno dedicato agli antenati e alla serenità della famiglia.

Al primo dell’anno si tiene il 차례 (charye), un rito in cui si rende omaggio ai propri antenati, seguito dal세배 (saebae), lo scambio di augurio che avviene tra giovani e anziani per augurarsi vicendevolmente buona fortuna nel nuovo anno. In questa occasione viene consegnata la busta con i soldi, tradizionalmente di colore bianco e non rossa come si usa in Cina. Seollal è un’occasione per passare del tempo insieme alla famiglia, indossare l’hanbok e divertirsi con i giochi tradizionali, come il volo degli aquiloni e il yutnori, un gioco da tavola coreano con regole molto semplici che coinvolge persone di qualsiasi età.


Se non vi basta una sola festa di fine anno la Thailandia fa al caso vostro, qui si festeggia il Capodanno thailandese, il Capodanno cinese e il Capodanno occidentale. Dei tre, il Capodanno thailandese, ovvero il Songkhran Festival è l’unico riconosciuto come festa nazionale. Si celebra tra il 13 e il 15 aprile e segna il nuovo anno lunare buddhista. Lo si festeggia in famiglia, spesso facendo visita a parenti e amici. È noto anche con il nome di Festa dell’acqua perché per l’occasione le statue e le immagini del Buddha vengono spruzzate d’acqua dai monaci e nello stesso modo i fedeli rendono omaggio ai monaci e festeggiano tra loro.

Il Capodanno cinese è un evento altrettanto importante, dal momento che in Thailandia risiedono oltre sei milioni di cinesi. Molti di ristoranti, imprese e altri luoghi che vogliono celebrare il patrimonio cinese rendono l'evento vivace e colorato come in Cina. Pertanto, anche se la ricorrenza del Capodanno lunare non è una festa pubblica in Thailandia, la popolazione è felice di salutare il vecchio anno e accogliere un migliore anno nuovo.



🌐Seguici sulla nostra pagina Instagram @nuoveviedellaseta (https://www.instagram.com/nuoveviedellaseta/)

🌐Seguici sulla nostra pagina Facebook Nuove Vie della Seta (https://www.facebook.com/nuoveviedellasetaitalia)



Kommentare


bottom of page